Strada del Cuore - Dal Lago Maggiore a Caponord

STRADA DEL CUORE
Dal Lago Maggiore a Caponord con raccolti fondi in favore dell’autismo.

 

[Continua da racconto precedente…CLICCA QUI].
 

Adesso basta, questa volta ho deciso di NON annullare tutto. Preferisco il preso dei problemi a quello del rimpianto. A dirvela tutta poi, una chance così non l'avrò più. Sinceramente il progetto da difficile diventa quasi impossibile, dunque non voglio scadere nel futile eroismo del “non mollare mai”. Però almeno un tentativo lo devo a me stesso e per le persone che hanno deciso di aiutarmi.

 

I PROBLEMI SOPRAGGIUNTI

Vi spiego in termini pratici perché “quasi impossibile”. 
Avevo basato la possibilità di fare questo progetto per via di un minimo di stabilità lavorativa grazie alla collaborazione professionale con Komoot. Un lavoro “d’ufficio” che oltre a garantire una certa stabilità economica per il 2024, anno molto difficile per la mia nuova attività, mi dava anche la serenità mentale di poter gestire gli allenamenti utili a preparare questa sfida. Vivendo come Guida Escursionistica e Guida Cilcoturistica il mio fisico non può gestire duri allenamenti endurance come un tempo. Dunque avere una collaborazione di quel genere mi dava la possibilità di essere organizzato con respiro e maggiore serenità.

Il piano era infatti ridurre le gite guidate basandomi su questa collaborazione e, sopratutto, contare su un po’ di lavoro ed un ingresso economico utile ad organizzare e gestire la lunga assenza che farò per svolgere la sfida stessa.

Tutto saltato. Dunque istintivamente la decisione naturale e istintiva era eliminare la sfida. Ho tuttavia pensato che un’altra chance di svolgerla non l’avrei avuta e detta francamente, forse anche la voglia. Questo è un progetto che avevo già intenzione di finire nel 2021 come raccontato nello scorso articolo. Ho altri progetti per la mia vita adesso. Ci provo al massimo e nella peggiore delle ipotesi, se proprio non sono in condizioni fisiche adeguate oppure se economicamente non sarò in grado di sostenere questa assenza, lascerò perdere. Ma almeno è doveroso un tentativo.

 

SI CONTINUA

 

Ecco dunque che il progetto rimane in vita. Il 29 Febbraio presso Space Verbania abbiamo tenuto la conferenza stampa di presentazione. 

Quale è la sfida nel concreto? Andare a Caponord usando mi miei tre sport:

  • 130Km di Corsa da Verbania a Airolo (CH)
  • 1200km di Pattinaggio da Airolo a Rostock (con possibilità di scambio con la bici, per sicurezza in caso di maltempo o strade troppo trafficate)
  • 2500km di Bici Da Trelleborg a Caponord.

Durata di circa un mese, partenza a fine Luglio. Ognuno di questi sport ha un grande valore simbolico per me. Proprio questo era il senso di questo progetto; usare l’esperienza e l’allenamento di tanti anni per chiudere un cerchio veramente emozionante e importante. L’Elia che nel 2011 andò in moto a Caponord era un ragazzo perso, in piena depressione. Scappavo di continuo da una vita che mi stava mangiando dentro, spegnendomi giorno dopo giorno. Oggi sono una persona che, grazie al ritrovamento della mia vera passione per lo sport, ha colorato la propria vita e quella degli altri. Ai tempi mi ero ripromesso che sarei tornato a Caponord un giorno solo quando l'avrei fatto in veste di un’altra persona: il vero me. 
E questa è la mia occasione.

 

LA RACCOLTA FONDI PER I RAGAZZI DI ANGSA VCO

A proposito di colorare la vita degli altri qui viene il punto più fondamentale, quello che mi ha mosso a continuare. Legare questa ultima grande sfida sportiva alla raccolta fondi più importante mai ideata da me e dalla squadra dei vecchi progetti. In unione con Kiwanis Club Verbania abbiamo creato sullo ormai storico portale Rete del Dono una raccolta fondi certificata e sicura. L’obiettivo è raccogliere 10000€ in favore dei progetti di ANGSA VCO per progetti legati all’autismo. Il progetto “Pulcini” e il progetto “Strada verso Casa” per i ragazzi più adulti. Vi invito a leggere tutte le informazioni a questo LINK.

 

SIAMO NEL VIVO

Ora non rimane che allenarsi, quando e quanto possibile, sperarndo che la mia stagione lavorativa vada a gonfie vele per consentirmi di sostenere il viaggio economicamente. Ad aiutarmi ci saranno tuttavia due amici: Matteo e Mattia.  Il primo si era già organizzato con le ferie per darmi assistenza nel punto più complicato, quella sezione di Europa Centrale fatta con i pattini. Era fondamentale avere sempre con me anche la bici in quanto muoversi in pattini su 1200km di strade non conosciute e magari rimanere fermo causa maltempo, avrebbe allungato troppo i tempi. Io invece ho un scadenza: il 3 settembre ho l’aereo di ritorno! Dunque Matteo si era prodigato ad essere presente facendomi assistenza con l'auto per portare tutta l'attrezzatura di riserva che poi si trasformerà in quella essenziale per il terzo e ultimo tratto.

C’è poi Mattia. Un amico che era rimasto a vivere in UK. Dopo mille peripezie, pochi mesi fa ha scelto di vivere in viaggio per circa un anno con il Camper. Voleva fortemente darmi una mano per questo progetto sin da quando ne sentì parlare per la prima volta. Ecco dunque che si è creata una situazione molto unica ed estremamente vantaggiosa, quella di avere due amici con me. Inoltre grazie alla presenza del camper avrò maggiore libertà di gestire le tappe sapendo che la sera ho sempre un tetto sopra la testa senza doverlo cercare, dandomi anche la chance di risparmiare denaro (le strutture ricettive in Nord Europa sono molto costose in quel periodo) e di non dovermi vincolare a piani di azione troppo specifici. Quando mi sentirò bene potrò spingere il limite facendo qualche chilometro in più e viceversa fermarmi un attimo prima in caso di problemi.

 

RACCOLTA FONDI: SERVE IL TUO AIUTO! 

La raccolta fondi è INTERAMENTE dedicata alla beneficenza.
Non un solo euro andrà in tasca mia per fare la sfida. Può essere che qualche azienda locale mi darà una mano con piccole sponsorship che saranno ben accette, tuttavia potete donare su Rete del Dono con al certezza che ogni singolo euro della raccolta fondi andrà in aiuto dei ragazzi di ANGSA, al netto di qualche esigua spesa amministrativa di gestione del portale stesso.

Serve davvero l’aiuto di tutti voi per riuscire in questa ambiziosa raccolta. 

Al tempo della scrittura di questo articolo di blog siamo a quasi 900€, un inizio esplosivo. Siamo però molto lontani dall’obiettivo di 10mila€ e dunque vi invito a scoprire la pagina Facebook ( CLICCA QUI) il canale Instagram ( CLICCA QUI) ma ancor più importante il link con la intera descrizione del progetto e la possibilità di donare in modo sicuro su Rete del Dono (CLICCA QUI).

 

RINGRAZIAMENTI  E.. AVANTI TUTTA.

A tutti coloro i quali hanno donato e ad ognuno di voi che lo farà… GRAZIE DI CUORE. Da parte mia e di tutti i ragazzi di ANGSA che sono i veri eroi di questa storia. Persone che quotidianamente lottano come leoni per aiutare chi, ahimè, non ha il privilegio di scegliersi le sfide.

Un ringraziamento speciale va ai partner che hanno deciso di sostenermi, a modo loro, in questa grande sfida:

  • Kiwanis Club Verbania con la possibilità di accedere a Rete del Dono e con del sostegno alla sfida stessa.
  • Davide Barone Coach che si è offerto di seguirmi nel piano allenamenti nonostante la enorme difficoltà generatosi con continui cambi di piano. CLICCA QUI
  • Boris e Laura di Sport Training ASD che mi hanno concesso di accedere ai loro corsi per la preparazione di palestra invernale. CLICCA QUI 
  • Matteo di Ebike Valgrande che ha deciso di aiutarmi con una sponsorizzazione. CLICCA QUI

 

Property of Elia Sacchelli - PIVA 02722800030 Privacy Policy Cookie Policy